Il "Processo a Michel Foucault" fa parte di un ciclo di "Processi ai grandi pensatori e ai filosofi" che l'Associazione Mondotre ha ideato ed allestito in forma di spettacoli teatrali, durante i quali un personaggio controverso viene immaginariamente processato per le proprie idee, il proprio sistema di pensiero, per le rivoluzioni concettuali che ha introdotto, e per gli effetti che queste hanno generato nei suoi contemporanei e nelle generazioni successive. Lo spettacolo si snoda in un susseguirsi di arringhe accusatorie e difensive, sostenute dall'imputato e da un pubblico ministero, e scandite dagli interventi del giudice del processo e di una voce narrante che ricostruisce per gli spettatori la vita privata e professionale del pensatore in esame.





Spettacolo teatrale inserito nel cartellone del "Festival della Filosofia" di Modena
Registrato all'interno dell'antico lapidario romano del Palazzo dei Musei di Modena il 15 settembre 2007


Michel Foucault, uno dei più acuti interpreti del rapporto fra sapere e potere nel ‘900. Idolatrato negli anni ’70 dai movimenti di contestazione sociale e rispettato da molti intellettuali per l’originalità del pensiero, Foucault è uno degli esponenti di spicco dello strutturalismo francese. E’ stato indiscusso padre di alcuni degli effetti che la sua critica alle istituzioni ha avuto nella sfera del sociale, tra cui la cosiddetta antipsichiatria, e la lotta contro gli eccessi della detenzione carceraria. Nel dibattito sul binomio natura/cultura, Foucault ha espresso idee tra la psicanalisi, l’antropologia e la filosofia, che identificano il processo di formazione del sapere come uno dei grandi strumenti di plagio e di controllo delle coscienze nella storia occidentale. Quali dunque le responsabilità del sapere “istituzionale”? Quali i suoi condizionamenti nella percezione della nostra stessa identità e del concetto di “uomo”? La filosofia di Foucault mira a distruggere alcune evidenze che sono alla base delle nostre concezioni del mondo, mostrando come il compito della filosofia – e di ogni forma autenticamente etica del sapere – non sia più ricercare dei principi primi, ma “analizzare i discorsi della ragione entro cui si organizzano questi principi primi“.



Voce Narrante: Antonio Baroncini
Pubblico Ministero: Matteo Mugnani
Difesa (Michel Foucault): Vittorio Riguzzi
Giudice: Ivo Germano

Commento musicale: Aurelio Rey Tarantino
Regia: Vittorio Riguzzi



Contatti:
segreteria MondoSole: +39.0541.718283 (lunedì - venerdì, 10 - 13)
posta: Via Sigismondo 38, 47921, Rimini, IT
e-mail Dott. Mugnani: mm@matteomugnani.com
e-mail centro MondoSole: centro@mondosole.com (per informazioni e appuntamenti)
cellulare: +39.347.4755347